fbpx

BONUS ASCIUGATRICE 2020: COME FUNZIONA

bonus-asciugatrice

BONUS ASCIUGATRICE 2020: INTRODUZIONE

In questo articolo parleremo del Bonus asciugatrice 2020. Nello specifico andremo a vedere come funziona la detrazione Irpef del 50%, quali sono i requisiti per accedervi e la classe energetica minima.

Inoltre, vedremo quali sono le modalità di pagamento per sfruttare l’agevolazione fiscale, la documentazione necessaria e la sua conservazione.

L’acquisto di un’asciugatrice è un’operazione che rientra nell’ambito del più ampio Bonus elettrodomestici e consente di sfruttare la detrazione Irpef 50% del prezzo di acquisto.

Previsto dal nuovo Decreto Bilancio, il bonus elettrodomestici 2020 consente l’acquisto di piccoli e grandi dispositivi, con uno sconto del 50% applicato sulla dichiarazione dei redditi. Ecco cosa devi fare per richiederlo, anche senza ristrutturazione.

DI CHE SI TRATTA

Buone notizie per chi desidera acquistare piccoli e grandi elettrodomestici: fino al 31 Dicembre è possibile farlo con il bonus elettrodomestici 2021.

Come per la misura del 2019, il bonus 2020 non prevede l’obbligo di ristrutturazione entro l’anno corrente, ma è possibile richiederlo anche per ristrutturazioni avvenute nel 2020, acquistando oggi nuovi mobili per la propria abitazione, ma il tetto massimo di spesa è stato aumentato da 10.000 a 16.000 euro.

Tra gli elettrodomestici che rientrano nel bonus in questione troviamo forno, lavastoviglie, microonde, piano cottura, frigorifero e piccoli dispositivi per la cucina, lavatrice, asciugatrice, ferro da stiro o altri dispositivi per bagno o zona lavanderia. La misura, inserita a dicembre nella Legge di Bilancio 2020, prevede una copertura del 50% sull’acquisto degli elettrodomestici.

Lo sconto viene direttamente calcolato su IRPEF IRES sulla base delle spese sostenute, in fase di dichiarazione dei redditi.

bonus-asciugatrice

A CHI SPETTA E COSA COMPRENDE?

Possono richiedere il bonus elettrodomestici 2020 soggetti in possesso di:

  • proprietà dell’immobile o immobili, anche in caso di nuda proprietà;
  • affittuari o intestatari di contratti di comodato d’uso gratuito dell’immobile o immobili;
  • soci di cooperative;
  • società individuali semplici, in accomandita semplice o in nome collettivo;
  • imprenditori individuali se l’immobile non risulta ad uso strumentale.

L’incentivo è indirizzato a chi acquista nuovi complementi d’arredo, non necessariamente per l’immobile oggetto della ristrutturazione, ma anche destinati ad altra sistemazione. L’importante, a differenza degli anni scorsi, è aver eseguito lavori di ristrutturazione nel corso dell’anno precedente, non più quello corrente. La misura è estesa anche a coniugi, parenti entro il 3° grado, congiunti e conviventi con il proprietario dell’immobile, che possono farne richiesta a nome dell’intestatario, con delega dello stesso.

Sono compresi nell’incentivo anche piastre elettriche o induzione per la cucinacongelatori a pozzetto e dispositivi di domotica integrata.

COME FARE DOMANDA?

Possono richiedere il bonus cittadini residenti in Italia o all’estero, purché assoggettati al pagamento IRPEF in Italia.

Per inoltrare la domanda è necessario presentare:

  • prova di pagamento, ovvero saldo fattura tracciato mediante bonifico, carta di credito o simili);
  • fattura di acquisto di forniture d’arredo, mobili cucina, bagno, etc;
  • fattura di acquisto degli elettrodomestici;
  • dichiarazione di ristrutturazione e/o relativa documentazione di lavori di ristrutturazione svolti entro l’anno.

Per richiedere il bonus elettrodomestici basta presentare la documentazione descritta in questo elenco al proprio commercialista in fase di dichiarazione dei redditi, e lo sconto verrà applicato direttamente sulla quota di tassazione prevista per l’anno in corso.

Come specificato nelle linee guida dall’Agenzia delle Entrate, è possibile “L’agevolazione spetta anche per gli acquisti effettuati nel 2021, ma potrà essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio 2019.

Una differenza sostanziale rispetto agli scorsi anni, quando l’obbligo di ristrutturazione era, invece, previsto nel corso dell’anno corrente. Sempre l’Agenzia delle Entrate specifica che il valore dello sconto applicabile è pari al 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni lavasciuga), e andrà in direttamente in detrazione dalla dichiarazione dei redditi del beneficiario. La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo di 16.000 euro nel 2020, a fronte dei 10.000 euro previsti nel 2020.

Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari ha diritto al beneficio più volte. L’importo massimo di spesa va, infatti, riferito a ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione.

bonus-asciugatrice

CONCLUSIONI

Dunque, diventa sempre più evidente lo sforzo del governo tramite il rilascio del bonus asciugatrice di incentivare i cittadini al risparmio energetico. Queste misure permettono, infatti, di ristrutturare casa e di poter aumentare l’efficienza energetica della stessa avvalendosi di notevoli detrazioni fiscali.

Infatti, fanno parte della Legge di Bilancio 2020 tutti i cosiddetti Bonus Casa 2020. Fanno parte di questi bonus l’Ecobonus, il Bonus Ristrutturazioni, il Sismabonus e tanti altri, tutti con la finalità di una riduzione del fabbisogno energetico dell’abitazione.

Quindi, questo potrebbe essere il momento giusto per pensare ad una ristrutturazione della propria casa. Infatti, perché non cogliere l’attimo e usufruire di questi bonus per dare una ventata di nuovo ai propri spazi abitativi?

L’importante, però, è ricordarsi che gli interventi in questione devono essere di natura straordinaria, in caso contrario il provvedimento non è ritenuto valido.

LASCIA UN COMMENTO

Se hai trovato l’articolo interessante, lascia un commento con le tue considerazioni a riguardo!

Infine, se hai bisogno di una consulenza personalizzata per capirci di più in questo maremoto di interventi legali, invia una mail a valeriadesign@casaomnia.it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.