fbpx

CAMOSCIO: IL COLORE DELL’ELEGANZA

camoscio

CAMOSCIO: INTRODUZIONE

Oggi presenteremo un colore molto particolare e di tendenza: il Pantone 16-1144. Il camoscio è un colore morbido, terroso, avvolgente appartenente alla gamma dei marroni.

Il camoscio, come dice lo stesso nome, ricorda il colore del legno e il giallo del cuoio.

Trasporre il Pantone 16-1144 nell’arredamento non è semplice, ma neanche impossibile dal momento che questo colore è naturalmente richiamato dalle diverse essenze legnose dei mobili.

E’ possibile scegliere il camoscio come colore per il rivestimento di sedie, di divani e di complementi d’arredo, come tappeti e cuscini. Si può optare per il Pantone 16-1144 anche per gli arredi laccati, quali contromobili, madie e credenze in stile contemporaneo.

camoscio

RAFFINATO E SENZA TEMPO

Il camoscio è un materiale che dall’abbigliamento ha fatto la sua entrata anche nel mondo dell’arredamento, spaziando dalle pareti ai pavimenti, dai divani alle poltrone, fino alle stuoie e ai mobili. È tra i materiali più lussuosi e per il suo costo piuttosto elevato si utilizza poco, se non per sedie, complementi o divani. I designer, ormai da alcuni anni, propongono tante soluzioni per arredare con il cuoio, presentando proposte più alla portata di tutti.

Il camoscio è la pelle animale trattata e colorata: si tratta di un materiale che ha grande capacità di isolamento, morbido, facile da lavorare e durevole nel tempo. Grazie alle sue caratteristiche, con il passare del tempo, il cuoio ottiene quell’effetto invecchiato di grande fascino, impreziosendosi di sfumature e riflessi unici, morbidezza e charme.

Scopriamolo insieme e vediamo tutti i consigli di stile per integrarlo perfettamente con il tuo arredamento!

camoscio

DIFFERENZA TRA CAMOSCIO E PELLE

Prima di parlare degli impieghi del cuoio in arredamento, chiariamo subito quale è la sua differenza con la pelle, così da evitare errori.

La pelle è il materiale grezzo, mentre il cuoio è la pelle trattata, o meglio “conciata”, attraverso bagni in sostanze come i tannini naturali, i tannini sintetici, i sali di cromo, i sali di alluminio, i sali di zirconio, gli oli di animali marini e formaldeide.

Generalmente la pelle grezza viene impiegata per rivestire le parti meno in vista di divani e poltrone. La “pelle fiore” invece insieme al cuoio viene usata per i rivestimenti, essendo materiali molto morbidi e resistenti all’usura.

CONSIGLI DI STILE

Arredare con questo materiale, seppur costoso, è senza dubbio indicato se vuoi ottenere in casa un’atmosfera raffinata e ricercata, con pezzi unici e di valore come può essere un bel divano o delle poltrone.

Inserire in casa un elemento in camoscio significa enfatizzare il valore dei contrasti. Se hai una casa moderna con linee e forme pulite saprà darti, grazie al calore e alla sua morbidezza, quel contrasto che stavi cercando. Immagina le contrapposizioni che potresti ottenere combinando i metalli ottonati, la pietra grigia, il cemento e il legno con le tinte calde del cuoio.

Cemento e camoscio insieme sono un’accoppiata vincente perché si ammorbidisce la rigorosità del cemento, e il cemento ha la capacità di “svecchiare” il camoscio. Questa combinazione industriale e naturale conferirà all’ambiente un effetto contemporaneo molto particolare.

Un bel divano o una poltrona in cuoio può arredare la tua zona living, conferendo un mood davvero unico, energia e stile.

Se hai una casa in stile industrial, che richiama alla memoria le atmosfere dei grandi loft di New York, allora il camoscio non può mancare. Tra i must have oltre alle pareti con mattoni a vista, mobili in legno e acciaio, non possono mancare un divano in pelle e alcuni complementi.

LASCIA UN COMMENTO

Se hai trovato l’articolo interessante, lascia un commento con le tue considerazioni a riguardo.

Infine, se hai bisogno di una consulenza personalizzata per arredare la tua casa color camoscio, invia una mail a valeriadesign@casaomnia.it! Fai un salto sul nostro portale online CasaOmnia.it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.