fbpx

DIVANO: GUIDA ALL’ACQUISTO

divano

DIVANO: INTRODUZIONE

Il divano è uno degli elementi di arredo più importanti e di impatto della nostra casa. La scelta dipende da molti fattori!

Infatti non è semplice decidersi su quale divano sia il migliore per il nostro arredo. I dubbi sono tanti: che tipo di divano? Quali dimensioni sono adatte al mio soggiorno? Bisogna puntare principalmente sull’estetica o sulla comodità? Quante persone utilizzeranno questo divano? Bisogna utilizzare tessuti per non rovinarlo? Ecc..

Come potete vedere la scelta è ardua ma in questo articolo proveremo a risolvere tutti i vostri dubbi per guidarvi in una scelta il più consapevole e mirata possibile.

ORIGINI

Il divano venne introdotto nel mondo occidentale dall’Impero Ottomano, dove con la parola turca “diwàn” veniva chiamata una panca in legno imbottita e munita di braccioli.

Oggi il divano si è evoluto in forme più complesse divenendo l’elemento d’arredo più importante del soggiorno, per questo scegliere il divano è cosa seria!

CRITERI DI SCELTA

Per scegliere il divano che fa per voi dovrete tener conto anche delle vostre preferenze ed esigenze di arredamento. Per scegliere il divano più adatto alle vostre necessità dovrete tener conto dei seguenti elementi:

  • lo spazio a disposizione;
  • il numero dei componenti della famiglia e delle loro esigenze;
  • l’uso che farete del divano;
  • comodità, resistenza e praticità;
  • lo stile di arredamento dell’ambiente che lo ospiterà.

Infatti, per essere sicuri di comprare quello giusto basta rispondere a delle semplici domande.

divano

SPAZIO A DISPOSIZIONE

Se avete poco spazio a disposizione la vostra scelta ricadrà inevitabilmente su un divano a due posti o in alternativa su due poltrone. In questo caso vi consiglio di acquistare un divano con contenitore. Infatti, spazi dove riporre oggetti in una casa piccola fanno sempre comodo.

Un divano due posti standard è largo da 150 a 185 cm ed ha una profondità di circa 90 cm. Sul mercato, però, se ne trovano anche con profondità di 80 – 75 cm. Invece, il divano tre posti è largo almeno 200 cm.

Se lo spazio è abbastanza grande scegliete un divano il più grande possibile, nelle tipologie che preferite.

Inoltre, in uno spazio di dimensioni adeguate il divano può fungere da elemento divisorio tra la zona relax-conversazione e la zona pranzo. In questo caso sarà posto nel centro della stanza, con lo schienale rivolto verso il tavolo da pranzo.

Infine, i divani a due o tre posti si possono addossare ad una parete o posizionare al centro di un soggiorno. I divani ad angolo si possono addossare a due pareti oppure ad una soltanto lasciando l’altra come divisorio per dividere in due un ampio soggiorno.

Indipendentemente dallo spazio a disposizione cercate di scegliete un divano le cui dimensioni consentano di lasciare gli spazi necessari per muoversi senza difficoltà.

Generalmente sono queste le misure per tipologia di divano:

  • con penisola cm 250 x 160;
  • ad angolo cm 250 x 200;
  • con angolo terminale cm 270 x 230.

Il numero delle persone che vivono in casa è una variabile da tener conto, ma sempre in relazione delle abitudini e necessità di ognuna di esse.

Il divano da due o tre posti è adatto per una coppia, mentre una famiglia numerosa dovrebbe poter disporre di qualche seduta in più.

CHI UTILIZZERA’ IL DIVANO

Inoltre, va ricordato che se ci sono bambini piccoli è opportuno che il divano sia foderato con un materiale lavabile.

Per le persone anziane o con difficoltà di movimento può essere utile un sofà che integri una o più postazioni relax.

Infine, nel caso che la vostra famiglia comprendesse anche degli amici a quattro zampe dovrete necessariamente proteggerlo da graffi e peli. Sul mercato si trovano facilmente dei copri-divani particolarmente adatti per questo uso.

Inoltre fate attenzione perché alcuni rivestimenti sono meno resistenti ai graffi ed a eventuali piccoli disastri che possono causare.

FUNZIONI

La funzione principale del divano rimane quella di elemento principale della zona conversazione. Infatti, se privilegiate questo aspetto scegliete un sofà dalla “comodità senza sprofondamenti”. Tenete presente che dovete conversare con gli ospiti, non dormire sul divano.

In questo caso, mettete il divano di fronte a delle poltrone e corredatelo di un tavolino per appoggiarvi le vivande da offrire ai vostri ospiti. Nel caso che il principale impiego del sofà sia quello di vedere comodamente la TV, ricordate di posizionarlo alla giusta distanza.

La migliore scelta per il relax personale è il divano con penisola, il quale integra una comoda “chaise longue” dove potersi comodamente sdraiare. In questo caso, fate attenzione alle misure, questo tipo di sofà richiede molto spazio.

Inoltre, se il divano è parte integrante di un angolo lettura non dimenticate di dotarlo di illuminazione adeguata.

Infine, prendete in considerazione la funzione letto solo se avete intenzione di usare il sofà come letto di emergenza per gli ospiti.

Quelli con il letto da una piazza e mezzo sono i più venduti. In ogni caso sceglietene uno con meccanismo di apertura resistente e con un materasso “vero”.

COMODITA’

Alcune regole ergonomiche possono sembrare scontate, ma non sono pochi i divani che sono in conflitto con esse, soprattutto quelli dal design estremo.

Indipendentemente dalla destinazione funzionale, non c’è dubbio che per scegliere il divano giusto si deve tenere conto della sua comodità. Essendo la comodità un aspetto soggettivo, non rimane altro che provarlo fisicamente prima di acquistarlo.

Evitate di lasciarvi coinvolgere unicamente dal suo aspetto estetico!

Inoltre, tenete conto che un divano comodo deve avere una seduta che non faccia assumere posture errate:

  • l’altezza del sedile deve essere tale da permettere ai piedi di poggiare al pavimento;
  • i braccioli devono consentire di appoggiare le braccia in modo d’attenuare la tensione del collo;
  • lo schienale non dovrebbe essere più corto della spina dorsale.

Contribuiscono al confort del sofà, oltre che il tipo di rivestimento, i materiali utilizzati per l’imbottitura. Infatti, schiume poliuretaniche, trucioli, piume d’oca ed in ultimo il memory-foam, sono materiali la cui combinazione offre confort diversi.

divano

RIVESTIMENTI

I tanti tipi di rivestimenti disponibili per i divani hanno peculiari caratteristiche che li rendono più o meno confortevoli e soprattutto più o meno resistenti a macchie ed usura.

Il rivestimento in pelle è certamente quello più resistente oltre che di grandissimo pregio. Oltre alla piacevole sensazione che offre al tatto, la pelle rende più elegante il divano e se la pelle è di prima qualità, invecchiando sarà sempre più bello.

Pur essendo un rivestimento resistentissimo e perfettamente lavabile, la pelle necessita comunque di particolari cure. Infatti, in alternativa si può scegliere un rivestimento in similpelle, un materiale sintetico che restituisce sensazioni simili alla pelle, ma più economico e meno resistente.

Inoltre, i rivestimenti in tessuto hanno il vantaggio di essere molto pratici perché più facili da pulire, soprattutto nelle versioni sfoderabili.

I tessuti possono essere in fibre naturali o in fibre sintetiche, entrambi si possono scegliere in infinite varianti di tipo, colore e fantasia. In genere i rivestimenti in fibra sintetica sono più facili da lavare.

Infine, un particolare tessuto di fibre sintetiche è la microfibra, traspirante, impermeabile, ma soprattutto confortevole in estate perché fresco, accogliente in inverno perché caldo.

LASCIA UN COMMENTO

Se hai trovato l’articolo interessante, lascia un commento con le tue considerazioni a riguardo!

Infine, se hai bisogno di una consulenza personalizzata per la scelta del tuo divano, invia una mail a valeriadesign@casaomnia.it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.