fbpx

TETRAPAK: RICICLO FAI DA TE

tetrapak

TETRAPAK: INTRODUZIONE

Come riciclare il tetrapak? Dove buttare i contenitori di latte, succhi di frutta e altre bevande? Puoi conferire questi rifiuti nella carta o nella plastica, secondo le indicazioni, inoltre puoi sfruttarli per dei lavoretti con il riciclo creativo.

Il conferimento del tetrapak dipende dal tuo Comune ovvero dall’azienda che gestisce la raccolta differenziata. Infatti, per sapere dove buttarlo, puoi chiedere informazioni e consultare anche siti e app dedicate.

In genere, i contenitori si risciacquano e si appiattiscono prima di essere buttati. Inoltre, se ci sono tappi e altri elementi di plastica, puoi anche asportarli, soprattutto se questa operazione viene richiesta.

Trasformarli in qualcosa di nuovo e creativo fai da te non è affatto difficile! Infatti i metodi e le idee a disposizione sono infinite. Il metodo più semplice richiede pochi passaggi e un po’ di praticità nelle attività manuali.

Innanzitutto, prendere i contenitori sporchi e già utilizzati. Dopo aver risciacquato i contenitori, falli asciugare e usali per dei lavoretti creativi, da realizzare anche insieme ai bambini.

Le scatole in tetrapak, infatti, possono trasformarsi in palazzi, piccoli camion, animali o diventare un salvadanaio o un portapenne.

Infine, decorali con i colori o al limite prova a fare il decoupage, vi incolli altri dettagli come le ruote e il gioco è fatto.

I contenitori, inoltre, si usano anche per il giardinaggio, per avviare la coltivazione dei semi e coltivare le piantine da trapiantare.

tetrapak

ORIGINI E CARATTERISTICHE

Tetrapak è un’azienda multinazionale che produce sistemi integrati per il trattamento e il confezionamento di alimenti. È stata fondata nel 1951 a Lund, in Svezia, da Ruben Rausing e Erik Wallenberg. Inoltre, l’azienda fa parte del gruppo Tetra Laval.

Il primo prodotto di Tetrapak è stato un contenitore di cartoncino usato per conservare e trasportare il latte. Fu chiamato Tetra Classic.

Ruben Rausing aveva lavorato sul progetto fin dal 1943. Solo nel 1950 aveva perfezionato la tecnica per rendere questo tipo di contenitore assolutamente impenetrabile all’aria, utilizzando un sistema di rivestimento plastico della carta.

Questi primi contenitori avevano la forma di tetraedri (solidi a quattro facce) e da essi è nato il nome dell’azienda. Nel 1952 fu lanciato il primo contenitore Tetra Classic e, più tardi, nel 1963 l’azienda introdusse il Tetra Brik, un contenitore di forma rettangolare.

Il figlio di Ruben Rausing, Hans, ha condotto l’azienda dal 1954 fino al 1985, portandola a diventare una delle maggiori aziende svedesi.

Tetra Pak è stata fondata sul concetto che un imballaggio deve far risparmiare più di quanto costi, garantendo la possibilità di “spostare un alimento nello spazio e nel tempo”.

Alfa Laval è stata parte del gruppo TetraPak tra il 1991 e il 2000. Nel 1991 Alfa Laval Agri, azienda produttrice di attrezzature per le centrali del latte e per l’agricoltura, si è scissa da Alfa Laval.

Quando Alfa Laval fu venduta, Alfa Laval Agri è rimasta parte del gruppo Tetra Pak ed è stata rinominata DeLaval.

IDEE CREATIVE

Le possibilità di utilizzo del tetrapak sono davvero numerose. In queste particolari attività di riciclo creativo, i due elementi necessari alla realizzazione dell’opera finale sono di certo pazienza e creatività.

Non vi scoraggiate se le cose non dovessero riuscite alla prima “botta”. Quello che conta è che vi divertiate e possiate trovare nel fai da te un hobby piacevole, rilassante e anche sostenibile nei confronti dell’ambiente!

VASI SOSPESI

Le confezioni di Tetrapak si possono prestare molto bene alla creazione di piccoli vasi da appendere in casa o sul balcone e dove tenere delle graziose piantine.

Ecco cosa serve:

  • 1 confezione in Tetra Pak;
  • colla vinilica;
  • vernice ad acqua;
  • pennelli;
  • carta da decoupage o stoffa;
  • spago.

Iniziamo con il tagliare per bene la parte superiore del contenitore, lavandolo e asciugandolo bene. Poi, passate uno strato di vernice ad acqua all’esterno della confezione. Strappate dei pezzettini di carta decorata o stoffa e incollateli con la colla vinilica diluita all’acqua, come fareste in una qualsiasi operazione di decoupage. Lasciate asciugare e fate dei buchini dove far passare lo spago, dovete creare dei manici lunghi, necessari per appendere il vostro vaso colorato. Riempite di terra e scegliete quali piantine inserire.

BORSE DELLA SPESA

La seconda idea, molto utile e un po’ più laboriosa, è creare delle borse della spesa a partire da confezioni di Tetrapak.

In questo caso servirà molta fantasia, anche per far sì che la creazione si addica al proprio gusto.

Ciò che ti occorre:

  • Diversi brick di succo di frutta;
  • Nastro adesivo per pacchi trasparente;
  • Avanzi di stoffa di cotone;
  • Una macchina per cucire;
  • e tanta tanta pazienza!

Iniziando aprendo i brick, tagliando la base e la sommità ed aprendo il lato in cui c’è l’unione dei lembi. Ritaglia le parti che non ti piacciono. In seguito, cuci tra loro i rettangolini ricavati dai brick. Prosegui finchè i rettangoli non saranno delle tue dimensioni preferite, ai quali avrai aggiunto due fascette laterali per dare profondità alla borsa.

Ora, dopo aver cucito il tutto, ricopri la interamente la superficie con un nastro adesivo per pacchi. Questo servirà a rinforzare e a rendere liscia e trasparente la superficie della nostra borsa. Per creare i manici, invece, fodera con avanzi di cotone due strisce ricavate anch’esse dai rettangolini dei brick e borda con uno sbieco di cotone, cucito a zig zag.

Infine, realizza con un avanzo di cotone una borsa che sia della stessa misura di quella fatta con i brick e mettila all’interno di quest’ultima. Unisci i due pezzi con uno sbieco. Attacca i manici esterni e sarai pronto per andare a fare la spesa!

Scegliendo le confezioni che hanno delle decorazioni che si prestano meglio, potreste anche pensare di abbinare i diversi pezzi per creare delle vere e proprie borse da passeggio.

GIOIELLI

Ecco, infine, l’ultima idea di riciclo creativo: dei gioielli o delle spille in Tetra Pak e pezzi di tessuto. Anche questo procedimento è molto semplice: ritagliate la forma che volete dal contenitore in Tetrapak, in questo caso dei cerchi. Rivestiteli di stoffa che andrete a bloccare, cucendola o utilizzando della colla per tessuti. Infine assemblate le diverse forme. Anche qui, bloccate il tutto cucendo o utilizzando la colla.

Se volete creare una collana, potete pensare di chiudere la vostra creazione con una catenella fatta di stoffa intrecciata o con dell’organza, ovviamente in tinta. Le idee per riciclare i materiali sono veramente infinite: l’unico limite, ricordatelo, è l’immaginazione.

LASCIA UN COMMENTO

Se hai trovato l’articolo interessante, lascia un commento con le tue considerazioni a riguardo!

Infine, se hai seguito i nostri consigli e ti sei dato da fare, invia una mail a valeriadesign@casaomnia.it con le foto delle tue creazioni! Scatenati con l’arte del riciclo creativo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.